Biennale della Ceramica e delle Architetture di Paesaggio

Il progetto “Biennale della Ceramica e delle Architetture di Paesaggio” vuole essere promotore di un sistema culturale che, puntando sulla integrazione tra arte, architettura e paesaggio contemporaneo, possa costituire elemento fondamentale di attrattiva turistico-culturale.

Esso espande ed articola, su quasi tutto il sistema museale civico di Caltagirone, la tradizionale manifestazione della Biennale della Ceramica di Caltagirone, seguendone le direttrici ma aggiornandola ed aprendola alle nuove istanze culturali e alle relazioni con altre espressioni artistiche come il design e l’architettura.

Tutto ciò tiene presente le attese e i desideri dei fruitori culturali che sono sensibili e utilizzano i nuovi linguaggi dei media ed in particolare quello dell’immagine.

Il progetto intende dare attuazione alle indicazioni ricevute dal piano strategico di sviluppo della città di Caltagirone, dalle elaborazioni contenute nel programma Mecenate ’90 ed, infine, dalle esperienze pratiche vissute negli ultimi anni nella gestione operativa di strutture museali contemporanee, quali il Palazzo Ceramico nella sede di Palazzo Reburdone ed il Museo delle Ville Storiche Caltagironesi, con sede nella Villa Patti .

Finalità

Sviluppare interventi specifici di valorizzazione dei Musei Civici caltagironesi e attività di comunicazione e promozione del patrimonio culturale, artistico e paesaggistico rappresentano le finalità del progetto.

Infatti i musei civici, pensati per conservare e tramandare l’identità cittadina, sono chiamati oggi a ridefinire il proprio ruolo nella società contemporanea, aprendosi alla popolazione locale e turistica e coinvolgendola nella tutela del patrimonio culturale, risvegliando l’interesse per l’arte e l’architettura contemporanea, comunicando con linguaggi attuali, divenendo luoghi di aggregazione, contenitori vivi, ricchi di iniziative per favorire la creatività e la maturazione della comunità.

Obiettivi progettuali

Il progetto si muove lungo due linee di sviluppo: da una parte la memoria, legata ai Musei Civici ed alla tradizione dell’arte della ceramica; dall’altra l’innovazione, legata all’arte contemporanea, al design ed al paesaggio.

Attraverso la creazione di un network tra i protagonisti delle attività culturali e museali, associazioni di volontariato ed il Comune di Caltagirone, nell’ambito della Direzione dei Musei Civici di Caltagirone, si seguono i percorsi della contemporaneità dando vita ad una sorta di fabbrica creativa perennemente in progress durante il periodo di apertura degli eventi, in grado di elaborare e trasmettere agli interessati ed al pubblico dei visitatori prodotti, idee, risultati ed ipotesi.

Un piano della città organizzato (masterplan) individua percorsi turistici alternativi che contengono al loro interno luoghi della memoria storica, spazi creativi per arte e spettacolo e luoghi di aggregazione sociale. Un flusso di linee che acquista un significato diverso per via del teatro che li ospita e li orienta, disegnando su una mappa che non c’è un percorso ideale contrassegnato da tappe che prendono forma e senso in un territorio che trascende i confini della geografia per radicarsi nel cuore e nella mente.

L’originalità di questa speciale edizione della Biennale della Ceramica, risiede nella nuova attenzione con cui essa si rapporta con il territorio che la ospita e i suoi beni ambientali e paesaggistici, attraverso la creazione di un sistema che mette in rete le attrattive culturali artistiche ed i nuovi spazi urbani e sociali, con interventi di creazione e/o riqualificazione di spazi pubblici.

Spazi creativi, di ricerca e promozione culturale

Un’importante fase del progetto è il recupero della memoria di luoghi particolarmente importanti per l’identità della città. Villa Patti, sede del Museo delle Ville Storiche, ospiterà uno spazio di ricerca e promozione culturale, con la realizzazione di un archivio di materiali multimediali ed interattivi dedicati alle ville storiche siciliane, all’arte della ceramica ed al paesaggio contemporaneo.

Mediante la collaborazione con scuole del calatino i laboratori pedagogici promuoveranno la conoscenza del patrimonio naturalistico e del paesaggio al Museo delle Ville Storiche; la conoscenza dell’arte ceramica al Museo della Ceramica Contemporanea presso Palazzo Reburdone.

Destinatari

La “Biennale della Ceramica e delle Architetture di Paesaggio” mira a coinvolgere tutta la città attraverso convegni, laboratori e mostre, in un progetto di sviluppo sociale, culturale ed economico che ha come punto di partenza la valorizzazione del paesaggio locale e dell’artigianato artistico ceramico.

Con l’obiettivo di mettere in rete e riempire di nuovi significati i luoghi della cultura di Caltagirone, rivolgendosi ad un pubblico appassionato di arte, architettura, ceramica e design, la ‘Biennale’ si propone come occasione e strumento di crescita per la collettività, soprattutto per le giovani generazioni.

Progetto ideato e realizzato da:

Comune di Caltagirone – Servizi Cultura, Turismo e Musei Civici

Associazione Calanchi

Società consortile a r.l. Concreta

Associazione Iocudiventu

Associazione Impronte Vegetali

PROGETTO DI ADEGUAMENTO DEL PARCO E DELLA SERRA DEL MUSEO DELLE VILLE STORICHE DI CALTAGIRONE

Palazzo Ceramico - Via Abate Meli, 3, 95041 Caltagirone - tel. 0933 57963 - Powered By Printcolors